Era una notte buia e tempestosa (e io leggo libri su Ultima Pagina)

Non è così che iniziano sempre le storie mai finite di Snoopy?

Pensavate di esservi liberata della vosta femminista giacobina, invece eccomi qua! Dopo le vacanze, spese soprattutto a lavorare alla versione definitiva di Nocturnales (non sapete cos’è? Lo scoprirete presto) e in viaggio (sì, le due cose sono compatibili), si torna alla solita routine di sempre, ai libri, a Pasionaria e a Ultima Pagina.

E proprio a proposito di libri, su Ultima Pagina trovate la mia recensione di uno dei libri che ho letto e apprezzato, La reliquia di Costantinopoli.

Pasolini Roma

Pensavate che, perché sto a Londra, questa recensione ve la scampavate? Sbagliato. Quindi se proseguirete, come dire, uomo (donna, bambin*, cane…) mezzo avvisat*, mezzo salvat*.

La Piccina, l’Acrimoniosa Barista e io siamo andate in allegra combriccola a vedere la mostra-evento Pasolini Roma a Palazzo delle Esposizioni.

Non sapevo bene cosa aspettarmi, perché avevo sentito feedback di ogni tipo, da gente che veniva portata direttamente al reparto psichiatrico per curare un’improvvisa depressione, a graziose signore trasformate in prefiche con quarant’anni di ritardo fino ai soliti intellettuali radical-chic del balletto ‘ci vado non ci vado, ci vado e mi fa schifo (“mi si nota di più etc. etc.”)’.

Leggi il resto della mia recensione a Pasolini Roma su Macchiato Inchiostro.

Recensione: Felice chi è diverso di Gianni Amelio.

Riposto qua la recensione al documentario di Amelio che ho scritto per il blog del concorso “Diverso sarò io” (qua il post originale).

locandina

Felice chi è diverso – Gianni Amelio (2014) – documentario

Ho finalmente visto il documentario di Gianni Amelio, Felice chi è diverso (il titolo è preso a prestito da una bella poesia di Sandro Penna). Ora, voglio cominciare a dire che cosa non è. Non è un documentario militante, come si aspettavano molti di quelli che lo hanno definito ‘anacronistico’: secondo me non è anacronistico, se mai storico. E qui abbiamo il secondo problema. È un documentario che non indica le fonti (mai è indicato chi siano gli intervistati e se non si è addentro alla cultura LGBT o al cinema, non è sempre facile capire chi sta parlando), spesso non contestualizza in maniera chiara il periodo ai quali ci si riferisce (ci sono vari salti temporali).

Quello che è, invece, è il racconto di un paio di generazioni di uomini gay (le donne sono pochissimo rappresentate, eccetto il triste racconto di una MtF e una donna lesbica che appare fugacemente come moglie di un uomo gay, ma non dice una parola), che hanno vissuto la propria omosessualità quasi tutti prima dell’avvento del movimento di liberazione omosessuale in Italia, con l’unica eccezione del ragazzo bresciano che chiude questa carrellata.

Devo dire che non mi aspettavo un documentario militante e neppure sociologico, ma come racconto di un certo modo di vivere l’omosessualità in un determinato contesto (e da parte di un regista che ha vissuto la sua sessualità in modo nascosto fino a tempi molto recenti e travagliata –da cattolico praticante) offre una buona introduzione.

Si va dalle contraddizioni del Fascismo, dove di omosessualità ovviamente non si parlava, ma al contempo si esaltava un’ “ultra-virilità” che ha molto in comune con l’immaginario gay più superficiale, al racconto delle sottoculture omosessuali venato di nostalgia (bella testimonianza di un omosessuale napoletano, che parla di un’omologazione della cultura gay –punto di vista, a mio avviso, di chi non frequenta più certi ambienti: le sottoculture all’interno del mondo gay esistono ancora e sono ben vive).

Ho trovato molto interessante l’intervista a un ex militante della Democrazia Cristiana, che parla per accenni del caso Sullo, ministro dell’ala sinistra della DC fatto dimettere grazie a uno scandalo che aveva al centro la propria omosessualità. Più interessante è la considerazione sulla doppiezza tutta italiana con cui era trattata l’omosessualità negli ambienti borghesi, il famoso si fa, ma non si dice. Con molta onestà, l’intervistato sostiene che se un omosessuale non si esponeva, poteva tranquillamente vivere la proprio sessualità in clandestinità ma con gioia, i problemi sorgevano solo quando questa non veniva nascosta, cosa che ha ritardato e indebolito la nascita del movimento omosessuale in Italia, in contrasto ad altri paesi (come il Regno Unito o gli Stati Uniti) dove la legislazione apertamente anti-omosessuale ha favorito lo sviluppo di movimenti LGBT più forti e incisivi. È un’analisi con cui mi trovo sostanzialmente d’accordo, aggiungendo che in Italia la sinistra marxista (il PCI come le ali extra-parlamentari) si contraddistingueva per essere moralista come e forse più della DC.

A dimostrazione di quest’atteggiamento, Amelio passa in rassegna, attraverso la testimonianza di Davoli (quasi un coming-out), l’omofobia rivolta contro Pasolini; vengono citati, tramite spezzoni di cinegiornali e titoli di quotidiani varie vicende fino all’omicidio (tutto materiale già raccolto nel bel volume di Franco Grattarola Una Vita Violentata). Mi ha stupito che Amelio abbia dimenticato un altro caso emblematico, quello del recentemente scomparso Aldo Braibanti, omesso forse perché meno noto al grande pubblico e omesso i vari casi di accertati omicidi per omofobia (per chi fosse interessato il volume Omocidi di Andrea Pini è molto completo). L’inserzione di materiale informativo sugli ‘invertiti’, sia in forma di pubblicazioni che di documentari d’archivio, è molto interessante e ben introduce nel clima in cui l’omosessualità era vissuta e sulla percezione che la società ne aveva (guardare al passato spiega come si arrivi all’oggi).

Non mancano le storie a lieto fine. in particolare mi ha colpito quella di una coppia che vive insieme da anni, interessante come uno dei due uomini racconti che la maggior preoccupazione della famiglia (di classe borghese) fosse il dare scandalo e quindi la scelta di una convivenza e la rinuncia alla promiscuità riuscisse a un po’ a tranquillizzare. C’è poi il racconto comico e roboante di Paolo Poli, che parla di una sessualità accettata da se stesso e dalla propria famiglia e di una vita vissuta sempre con spensieratezza e ironia.

Come ho già detto, ho trovato forzata la chiusa sul presente, anche perché, a parte brevi accenni, dei cambiamenti avvenuti prima con la nascita del FUORI! e la pubblicazione di Elementi dicritica omosessuale di Mario Mieli e poi con l’epidemia di AIDS c’è poco raccordo: il regista non sembra molto interessato a raccontare l’oggi degli omosessuali italiani e ridurre due o tre generazioni a una sola testimonianza è davvero poco significativo.

Tenendo in mente i limiti, credo sia comunque un documentario da vedere, magari come introduzione al tema storico dell’omosessualità e dell’omofobia in Italia nel Novecento, prima di passare a opere più dettagliate, come Quando eravamo froci del già citato Andrea Pini.

 

Le recensioni del tarlo Giancarlo [4]

Giancarlo è un po’confuso, per cui si è messo gli occhiali da vista e ha deciso di consumare il suo pasto sulla cattedra. Una serata nostalgica nella biografia, con un personaggio enorme e un pallido fantasma nell’angolo del divano. La cena sapeva di unto, di nostalgia, con punte di zucchero di canna e un po’ di catrame…chissà se è davvero questo il sapore degli intellettuali?

 

E. Trevi, Qualcosa di scritto, Ponte alle Grazie 2012.