Librarsi e liberarsi

Non so se posterò altri scatti del viaggio fatto quest’anno, non so se sia giusto pubblicarli. Parlare dell’Olocausto e degli stermini nazisti è sempre complicato, si rischia, specialmente su un mezzo come questo, di alimentare una retorica lavascoscienze e una visione consumistica della Storia. C’è che le immagini non rendono. …

Sono una barca

Rieccoci, nuovo attacco novembrino. Avere una malattia cronica significa che il giorno prima fai tremila cose, stai bene, vai a lavoro, sgambetti per tutta la città. Anche se fermandoti ad ascoltare il tuo corpo lo senti che c’è qualcosa che non va. Lo sentono gli altri, quando ti guardano in …