[La vita lesbica] …e le figurine?

Ieri sono andata a stampare il brogliaccio del mio nuovo romanzo, per poterlo rivedere su carta. Essendo una via di mezzo fra una talpa e Mister Magoo ho grosse difficoltà a correggere a schermo anche testi brevi, figuriamoci qualcosa che superi le duecento facciate.

Mister magoo
Autoritratto

Arrivo belbella in cartoleria (il che significa prendere la macchina e andare nella cittadina vicina, perché nel semideserto dove abitiamo noi non c’è una copisteria decente) e… trovo la cartoleria invasa. Da adolescenti accompagnati da genitori o nonni per stampare le tesine di terza media.

E il negoziante doveva evidentemente averne fin sopra i capelli di spiegare a i nativi digitali inconsapevoli (molto inconsapevoli) e ad adulti non informatizzati come trasformare i file per renderli stampabili. Attendo il mio turno, consegno la pennetta col mio fido pdf e attendo.

Cinque. Dieci. Quindici minuti.

Mi avvicino alla stampante e al padrone del negozio, che sta sfogliando allegramente il dattiloscritto. Mi guarda perplesso.

“Certo che l’è tanta roba ‘sto malloppetto. L’è brava la su’ figliola. Però ce le poteva métte du ‘ figurine!”

…non so, magari attaccandoci qualche figurina panini il mio romanzo sul Settecento migliora!