[La vita lesbica] missione Parigi… avventure in vacanze: dove vai se la cartina non ce l’hai.

Infilata di abbaini sulla Rue Saint-Honoré, in bianco e nero
I tetti della Rue Saint-Honoré

Giuro, smetto quando voglio. Ma perché dovrei volerlo?
Cosa faccio quando sono particolarmente giù di corda, triste e sull’orlo dell’esaurimento?
Sogno di andare in Francia, che per me è tornare a casa. Ognuno ha i suoi modi per rilassarsi, il mio è quello di stare dove riesco a rilassarmi.
Quindi quando Piccina e F. hanno proposto di tornare a Parigi e magari fare un giro nei dintorni, non è che potevo dire di no. Tanto ormai ho perso il conto delle volte che ci sono stata.
E poi essere nel “mio” posto, con le mie persone preferite… che cosa si può chiedere di più?
Ovviamente pianifichiamo tutto in perfetto stile diplomatico, perché, come dire, fra una monarchica e una giacobina ci può essere un certo conflitto di interessi. E poi c’è F., che è una giacobina pure lei, ma con l’amore per Richelieu. I casi strani della vita.

Comunque, pronti per la partenza?

All’ufficio informazioni

Visto che ormai abbiamo tutti una certa (anche la Piccina, ma si tratta ovviamente di un errore dell’anagrafe), decidiamo di prenotare il pass dei musei perché vuoi non fare una capatina al Louvre, ché la Piccina dve finire di vederlo? E poi ci sono molti castelli. E poi io e F. dobbiamo sempre andare in pellegrinaggio alla Conciergerie, se no poi non ci fanno tornare a Parigi.
Giorno di arrivo, io e F. andiamo a ritirare i nostri pass e troviamo un impiegato dell’ufficio informazioni che sembra aver studiato sul manuale “Come essere lo stereotipo del francese secondo gli altri paesi europei” e che una volta capito la nostra nazionalità vuole per forza parlarci in italiano… attaccandoci un discorsetto di mezz’ora.
“E poi potete andare al castello di Versailles, che però è fuori Parigi ed è la reggia più grande di tutto il mondo.”
“Lo sappiamo.”
“E poi salire sulla Torre di Eiffel che è..””
“Lo sappiamo.” A un certo punto ho smesso pure di dirlo, tanto era palese che non serviva a tagliare corto e ho sconnesso il cervello fin quando…
“E poi non potete assolutamente perdervi la Santa Cappella. E vicino c’è la Portineria, che era la prigione della Rivoluzione…”
Ok, in realtà stavamo parlando con Google Translator. Finita la tiritera siamo uscite, ci siamo guardate e ci siamo messe a sghignazzare come due idiote.
“Ma secondo te qualcuno glielo dovrebbe dire che è meglio non tradurre i nomi dei luoghi?”
“Naaah.” Quando finiamo di sghignazzare, chiedo:
“Dove andiamo?” Silenzio. Tanto ci capiamo così bene che non ci sarebbe neanche bisogno di parlare.
“Giro rivoluzionario?” mi domanda F. Cioè, invitarmi a una festa. No, anzi, a in libreria con un buono illimitato, visto la mia antipatia per feste et similia.
“Giro rivoluzionario.” F. appallottola la cartina che ci hanno appena dato e la butta in borsa.
“Tanto se mai c’è il GPS.” le dico.
“Tanto io seguo te. Chi ha bisogno della cartina?”

[La vita lesbica] Il divertimento del gatto

Un gruppo di penne disposte alla rinfusa su un tavolo
Parte del bottino.

 

Mattinata che inizia impazzendo a cercare la Waterman per tutto lo studio (avendo la sicurezza di averla lasciata, come sempre, in mezzo al quaderno che stavo usando).
Pulcio, il nostro gatto più giovane, mi guarda con aria di sfida. Controllo ogni centimetro di pavimento, mi rimprovero per la mia proverbiale distrazione.
“Di sicuro l’ho messa da un’altra parte e non mi ricordo dove”, mi ripeto come un mantra e se potessi mi schiaffeggerei. Odio perdere gli oggetti perché sto pensando ad altro (ciòe di solito a venti cose diverse insieme).
Pulcio continua a osservarmi con una sorta di gattesco ghigno.
Per non lasciare nulla di intentato, estraggo il letto di cortesia da sotto il letto singolo (c’è un interstizio minimo tra branda e pavimento ed è protetto da uno sportello). Risultato: sotto c’è la Waterman, tre (!) penne rosse. Sono quelle con cui avevo iniziato più volte a correggere pacchi di compiti e che misteriosamente si erano volatilizzate dal tavolo, magari giusto in quei due minuti in cui mi ero alzata per andare in bagno. E insieme a loro, il correttore a nastro e un arsenale di matite impolverate.
Mi volto: vedo brillare negli occhi un divertimento felino.

Distrazione primaverile, male di stagione?


Sarà la primavera che rende svagati, il risveglio della natura, il bioritmo che deve riadattarsi al sole, aprile dolce dormire in anticipo… o i simpaticissimi pollini che ti fanno venire lo starnuto facile, la rinite e la voce come se ogni volta il fazzoletto fosse stato ingoiato.
Sarà che ho una serie di carichi addosso (molto reali e molto spiacevoli, dei quali non mi va di parlare) sulla schiena che sembro un mulo da soma degli Alpini.
Sarà che, come dice gentilmente la Pici, ormai ho una certa, questa primavera è nata sotto il segno della distrazione.
È cominciato tutto dimenticandomi il forno acceso (con il gateaux di patate dentro!). Lode al timer che spenge in automatico le resistenze al momento giusto e alle mogli nottambule che spengono il resto passata la mezzanotte. Per dovere di cronaca, la pietanza non è stata resa a livello “reliquia pompeiana”, per fortuna.
Poi lunedì mattina mi sveglio ben prima del dovuto (ciao, insonnia, ciao), controllo la casella di posta e trovo una mail dove B. mi avverte di un messaggio per Pasionaria al quale devo risposa più o meno dai tempi della prima crociata. Mi ci metto di buona lena, un occhio all’orologio per non fare tardi a lavoro. Mi perdo in una lunga disquisizione in francese, rispondendo a domande sulla prostituzione. Sono quasi contenta perché tutto sommato il mio francese scritto non fa così schifo e in tutto questo riesco a uscire di casa all’orario giusto per non trovarmi nel traffico.
Splendido no?
No. Non ho calcolato il fattore distrazione primaverile.
A metà strada, quando è ormai impossibile tornare indietro, mi accorgo di aver dimenticato il cellulare a casa. Ovviamente proprio in questo periodo in cui persone molto vicine a me potrebbero aver bisogno di contattarmi con estrema urgenza. Possono rintracciarmi a scuola… peccato che quel giorno io sia in uscita didattica con una classe!
Torno a casa dopo il lavoro col cuore in gola. Per fortuna nessuno mi ha cercato.
Lezione imparata, devo stare più attenta: distrazione non avrai il mio scalpo!
Il proposito dura poco, perché uscendo, l’altro giorno, mi prende un colpo: dove avrò messo le chiavi della macchina? Nel cappotto non ci sono, nella giacca no, neanche nelle due borse… gatti ci avete giocato a nascondino stanotte?
Dov’erano? Nell’astuccio che avevo aperto un minuto prima per prendere una penna. E per procedere in bellezza, la distrazione decide di colpire ancora. Devo fare una chiamata di lavoro. Per chiamare mi devo preparare mentalmente per parecchio tempo perché odio parlare al telefono, perché parlare con persone con cui non sono in confidenza mi resta molto ostico, specialmente se devo chiedere loro qualcosa. E ovviamente il mio cervello che fa? Fa tabula rasa del nome del mio interlocutore per quel tempo necessario a fare la figura dell’idiota e ritrovarsi a dover chiedere con una scusa scema. Bella figura, complimenti.
Ok, distrazione, mi arrendo. Hai vinto tu. Però troviamo un accordo, che continuando di questo passo a metà stagione metterò i calzini sporchi in frigo.

[la vita lesbica] Opposti che si attraggono… e litigano.

yingyang

Se c’è un argomento capace di generare discussioni (più o meno gentili) per innumerevoli ore tra la Picina e me è…la politica.
Sì, abbiamo votato lo stesso partito. Ma, c’è un ma grosso come un capodoglio. Io sono fermamente, convintamente repubblicana (e tendenzialmente democratica. Anche se, insomma, certe volte qualche dubbio viene).
La Picina è… convintamente, fermamente, ‘nobilmente’ monarchica. Deve essere colpa del Passaporto n.1 e di Super-Betty salva-tutti.
Immaginatevi le serate a colpi di “meglio la Repubblica perché i cittadini devono essere responsabili blablabla”, “Ma vedi come vanno le elezioni? Una bella monarchia e non se ne parla più” e “Ma hai presente quale monarchia avevamo in Italia” etc. etc.

Ieri ero arrabbiata (non con la Picina, mi si chiede di specificare). No, furiosa. Insomma nello spirito del “come osi offendere le cose in cui credo ringrazia che non ho una ghigliottina a portata di mano”. Broncio.

E quindi abbiamo deciso di ‘testare’ le nostre convinzioni con qualche gioco stupido. Tipo questo.
Io: Vediamo se mi vieni fuori royaliste.”
P.: Se non tengo fede ai miei principi mi ammazzo. Anzi no, vuol dire che il test è sbagliato. E non mi guardare mentre lo faccio. Togliti gli occhiali, non mi guardare! Sgrunt!
Io (mi tolgo gli occhiali): Se mi vieni fuori moderata ti divorzio.
P.: Peggio che monarchica?
Io:. Mhh. Sì.

(Dopo una decina di minuti)

P: (urla di giubilo e tripudio) Là! E lo salvo con Vive la monarchie!
vivelamonarchie

Io: Se per ‘loving’ contano pure i gatti sei proprio tu.
P.: Adesso però mi fai vedere il tuo!
Screen Shot 2016-09-07 at 23.46.16

P: (scuotendo la testa) … Ma che devo fare con te?
I: Zitta. Controrivoluzionaria.
P.: Se fosse una fanfiction finirebbe con tanto angry sex.

[La vita lesbica] …e le figurine?

Ieri sono andata a stampare il brogliaccio del mio nuovo romanzo, per poterlo rivedere su carta. Essendo una via di mezzo fra una talpa e Mister Magoo ho grosse difficoltà a correggere a schermo anche testi brevi, figuriamoci qualcosa che superi le duecento facciate.

Mister magoo
Autoritratto

Arrivo belbella in cartoleria (il che significa prendere la macchina e andare nella cittadina vicina, perché nel semideserto dove abitiamo noi non c’è una copisteria decente) e… trovo la cartoleria invasa. Da adolescenti accompagnati da genitori o nonni per stampare le tesine di terza media.

E il negoziante doveva evidentemente averne fin sopra i capelli di spiegare a i nativi digitali inconsapevoli (molto inconsapevoli) e ad adulti non informatizzati come trasformare i file per renderli stampabili. Attendo il mio turno, consegno la pennetta col mio fido pdf e attendo.

Cinque. Dieci. Quindici minuti.

Mi avvicino alla stampante e al padrone del negozio, che sta sfogliando allegramente il dattiloscritto. Mi guarda perplesso.

“Certo che l’è tanta roba ‘sto malloppetto. L’è brava la su’ figliola. Però ce le poteva métte du ‘ figurine!”

…non so, magari attaccandoci qualche figurina panini il mio romanzo sul Settecento migliora!

[La vita lesbica] La befana vien di notte…

 

Vabbè che fa buio presto, ma noi abbiamo cominciato a festeggiare la Befana già dalla prima sera del cinque. Che poi io non posso mangiare la maggior parte delle dolci e buone schifezze da calza della Befana, perché o contengono qualcosa che mi fa allergia o comunque mi fanno male. E poi da ex bambina grassa, in casa hanno smesso presto di farmi la calza.

Per Picina, no. Per lei è una tradizione irrinunciabile.

[Casa dei suoceri]

Un giorno indefinito tra il due dicembre e il cinque.

P.: Io voglio la calza!

Suocera: Ma sei grande!

P.: E io la voglio lo stesso e me la devi comprare tu! Io non me la posso comprà da sola!

Cognata (adulescentula): Allora se la fai a lei, la devi fare anche a me!

Suocera: Ma se non l’hai più voluta.

Cognata (adulescentula): Ma se la fai a lei, la devi fare anche a me. È giustizia.

P: Eccerto. È giustizia.

Io e suocera ci guardiamo tra il rassegnato e il faceto.

Oggi. Pranzo.

Suocera: Ho preso la roba per la calza, ma non il carbone. Il carbone non c’era perché il supermercato blablabla [segue resoconto delle epiche gesta del supermercato che chiude, ma non chiude o comunque gli elfi-cavallette si sono portati via il carbone].

P. (che di tutto il discorso ha solo capito “niente carbone”): Ma io voglio il carbone! che calza è senza carbone!

Io: …

P.:  Il carboneeeeeeeee…

Suocera: Compratelo nel pomeriggio.

P.: Il carboneeeeeeeee….

Io: A casa nella stufa ce n’è quanto vuoi, eh.

Oggi. Prima serata. Camminando fra le bancarelle befanifere di Ghignante Cittadina del Razionalismo.

Io: Andiamo a prendere il carbone, così ti calmi.

P.: Il carboneeeeee…. Ma non pretenderai che me lo compri io/

Io: Perché no?

P.: Perché non me lo posso comprà da sola! Che scherzi? Nun valeeee! Capito? Non è Befana!

…e fu così che mi trasformai nella Befana che compra un sacchetto di carbone (i gusti li ha scelti lei, però).

Io: Contenta? Non lo assaggi?

P.: Ecchettepare? Nella calza però ce lo devi métte te, eh!

Io: …

(Le calze e la gonna nera già ce le ho. Ora vado a mettermi anche la giacca e il cappello).

 

Per cui, buona Befana a tutti!

Sono una barca


Rieccoci, nuovo attacco novembrino.
Avere una malattia cronica significa che il giorno prima fai tremila cose, stai bene, vai a lavoro, sgambetti per tutta la città. Anche se fermandoti ad ascoltare il tuo corpo lo senti che c’è qualcosa che non va. Lo sentono gli altri, quando ti guardano in volto e ti chiedono: “Sei stanca? Sembri distrutta.”

E poi neanche ventiquattro ore dopo il tempo si dilata, improvvisamente ogni cosa diventa più faticosa, più difficile, la concentrazione cala col sangue che torna a uscire da dove non dovrebbe. E l’energia se ne va di nuovo.

In fondo è un po’ come andare in barca a vela, ora è bonaccia. Devo solo pazientare che si rialzi il maestrale, mollare un po’ la randa, rifare la rotta. Finché la mia barca non ricomincerà a navigare più spedita.

Un’inossidabile felicità

Io non sono un cuor contento di natura (e a dir la verità le persone che passate una certa età sono tutte solo sorrisi mi inquietano), mi definisco, però, una persona serena, nei limiti che le condizioni esterne e interne permettono. Una che cerca un proprio equilibrio.

Però la felicità esiste e quando sboccia è bene scriverlo, sia per condividerla con gli altri, sia per ricordarsene nei momenti bui.

Ieri sono stata felice.

Felicità è presentare il mio romanzo Quasi una commedia, insieme all’editore e ad altri interessantissimi scrittori, in un contesto che amo e al quale non avrei mai aspirato, il Pisa Book Festival.

Felicità è parlare di ciò che per te conta di più, della tua sorta di microfilosofia della vita (che paroloni!) davanti a persone interessate. Che magari poi si fermano a parlare con te, ti chiedono una dedica sulla copia appena acquistata (sarei un’ipocrita se dicessi che non mi fa piacere).

Felicità è soprattutto avere intorno un gruppo di amici, che si sono volentieri prestati a un’alzataccia di domenica mattina, per passare la giornata insieme. E che ti fanno sentire davvero amata per quello che sei. È un bene prezioso perché raro (qualcuno ieri mi ha definito un alieno, credo che sia molto azzeccato).

Felicità è un’amica che non vedevi e non sentivi da tempo che ti fa la sorpresa di venire alla presentazione.

Felicità è vedere la Piccina felice quanto e più di te, sempre presente al tuo fianco, con quello sguardo allegro e innamorato, nonostante essersi alzata a un’ora per lei antelucana. Con quel sorriso che ogni volta mi stende.

Grazie a tutti. Oggi si riparte, con tanta energia in più.

 

p.s. Grazie a La Zitella Felice perché con la sua scuola di Felicità mi ha dato ispirazione per questo post 😉

 

[Vita Lesbica] Questioni di medley

 

 

Esterno notte. Scampoli d’estate che tramonta. Cittadina di mare non troppo affollata.

Dall’unica balera del posto un cantante si arrabatta nello stonare una melodia che, complice il vento, potrebbe essere qualsiasi cosa.

Piccina: “È quella del “ragazzo”, vero? Il ragazzo della via Pal.”

Io: “Eh? Veramente I ragazzi della via Pal è un romanzo.”

Piccina: “Quella di Celentano. C’era un ragazzo che come me…”

Io: “Guarda che quella la canta Morandi.”

Piccina (molto convinta): “Ma no, che dici! Quella del ragazzo che vive in campagna, poi va in città, parte per la guerra e muore, dai!”

Io: “… Guarda che quella che parla del Vietnam è di Morandi, l’altra è di Celentano.”

Piccina: “Vuoi dire che sono due canzoni?! Ma sono uguali!”

Io: “Veramente no…”

Piccina: “Senti iniziano tutte con ‘c’era un ragazzo…'”

Io: “No.”

Piccina: “Ahò, che me frega. So’uguali, parlano di ‘sto ragazzo, per me è lo stesso. Ce faccio un medley.”

Io: “Il ragazzo dell via Gluck che morì in Vietnam.”

E fu così che il medley cominciò a essere cantato.

 

[Vita Lesbica] Tv e snobismi

tv

Succede che un nostro amico è andato in tv. Per uno di quei programmi preserali coi giochi. Dopo aver saputo il risultato (non farò spoiler!), ne parliamo a cena con la Piccina.

P.: Dovresti provare anche tu.

Io: Sai che non lo farei mai.

P.: E perché? Certo, io ci potrei andare solo se facessero le domande sui reali… Te invece sai tutto!

Io: Non lo farei mai, lo sai.

P: E perché?

Io: Non mi piace, la mercificazione e la nozionificazione del sapere, la svendita della cultura… (mi blocco aspettandomi una delle solite uscite “ahò, parla come magni”.)

P.: Ma te sei sentita? ‘mazza, quanto sei snob!

Io: E l’hai scoperto ora?

P.:… Uè, qui la snob di famiglia so io. Nun ce provà.

E che dici a una così?