Il personale significante

Una vita tra tempeste d’ossimori:

Tubini e pantaloni, anfibi e tacchi

perdersi nei dedali delle narrazioni

contro consumarsi in finzioni di pixel

l’arsura della canicola, i bivacchi

sull’arida spiaggia, contro il vento,

la melodia delle goccie sul vetro.

I miei silenzi, le tue parole,

l’allegria inconsapevole e contagiosa,

l’oscurità dei sospiri rotti

soffocati neri sui cuscini del letto.

Nacque così l’incantesimo

che non può mai essere

il tuo giorno o la mia notte,

l’indaco perenne incontro

tra tramonto e crepuscolo.

Kew Gardens (7 of 1)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: