Foglie

Stanotte il vento ha soffiato forte in un concerto di armonie e fischi, stamani all’alba le foglie gialle e umide sbattevano contro la finestra nelle prime sfumature di luce.

Ora il cielo è drammatico, un rapido passaggio di luce e di ombre, uscite dalla mano di un sapiente pittore. Nell’aria ancora non soffocata dai gas di scarico, profumo di pioggia, del primo fresco e quasi di sale oceanico.

L’autunno assume la sua aria multicolore, forse un po’ lugubre, ma cordiale. E a me sa un po’ di casa, di fuoco acceso, di addii e di rivolgimenti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: